Tirocini e Job Placement: trasformiamo e tuteliamo

Riteniamo che l’istruzione non debba essere soggetta alle regole e ai dettami del mercato del lavoro, libera da ingerenze di aziende e gruppi di interesse. Ciò detto, non crediamo che l’Università sia una torre d’avorio slegata dal mondo, ma che vada inserita nella realtà quotidiana che viviamo e nel nostro territorio. La necessità di affiancare la formazione pratica a quella teorica è oggi una delle grandi richieste che la società civile fa agli Atenei, secondo i dettami della spendibilità delle competenze da parte delle aziende.

Noi ribaltiamo questa idea, e affermiamo che l’Università debba integrare con attività pratiche la formazione non per rendere lə studentə adattə al lavoro in questa o in quell’azienda, ma per fornire loro gli strumenti per poter essere autonomə e consapevoli della realtà lavorativa che ci circonda. Le attività pratiche, siano essa tirocinio o stage lavorativo, devono perciò essere di qualità, realmente formative, tutelate e gratuite.

Tasse 2021

Tasse - Verso un’Università gratuita

Crediamo e da anni ci battiamo per un’università realmente accessibile e per un completo abbattimento della contribuzione universitaria. Crediamo che l’università debba essere gratuita per tuttə e che la presenza ingombrante di tasse non debba essere in qualche modo un ostacolo per intraprendere un percorso accademico in piena autodeterminazione.

Didattica 2021

Ci (A)Spetta una didattica migliore

L’emergenza sanitaria ha completamente trasformato l’Università: tra lezioni a distanza, registrazioni e powerpoint commentati anche la didattica ha cambiato il suo volto. La transizione verso la didattica a distanza è stata lenta e farraginosa; l’Università non era pronta per questo cambiamento e la didattica in parte ne ha patito. D’altra parte però la DAD ha permesso un accesso maggiore all’Università: per lə studentə che lavorano, e in generale per le persone che non possono frequentare in presenza, ha significato una reale possibilità di inclusione nel mondo universitario. Crediamo che questo passaggio alla DAD non vada ignorato nei prossimi anni, ma sfruttato in ottica di inclusività. La DAD può essere uno strumento integrativo importante (da tempo in alcuni dipartimenti le lezioni vengono registrate per essere riviste in seguito), tuttavia non auspichiamo una transizione ad un’università telematica.

Ambiente 2021

L'università ecologica che ci (a)spetta

Negli ultimi due anni una parte dell’azione dell’Ateneo è stata volta ad analizzare e elaborare proposte per un’Università più green. Come rappresentanti abbiamo collaborato con il Green Office per dare il nostro contributo, ma si devono fare alcuni passi avanti radicali e non unicamente amministrativi per combattere la crisi climatica. Questo va portato avanti non solo in un’ottica economica, ma ritrovando un carattere sociale e intersezionale con cui l’Università si affacci sul mondo e vi prenda voce. Siamo la generazione infatti che sta pagando e pagherà direttamente il prezzo della crisi climatica con tutte le sue implicazioni: non possiamo stare a guardare ma dobbiamo lavorare in ogni spazio di azione possibile per fronteggiare l’emergenza.

Se un megafono fa pena #DanaLiberaTutti

Se un megafono fa pena - #DanaLiberaTutti

Attenzione: un’attivista è in carcere, dove resterà per due anni, per aver usato il megafono durante una dimostrazione pacifica! Succede in Italia, succede a Torino, e non possiamo disinteressarcene.

LE%20PARoLE%20SONO%20IMPORTANTI%20%282%29

Le parole sono importanti

Il ruolo del linguaggio e delle narrazioni nella lotta contro la violenza maschile sulle donne e contro la violenza di genere

In occasione del convegno organizzato dai Comitati Unici di Garanzia di UniTo e PoliTo durante la Giornata contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere, siamo intervenutə prendendo parola sull’uso inclusivo del linguaggio. Di seguito riportiamo il testo del nostro intervento.

Progetto%20senza%20titolo

Repressione su misura - #iostoconEddi

Da anni e instancabilmente la giustizia torinese offre a noi giovani studiose/i di diritto occasioni seminariali non richieste: preferiremmo raffrontare le pagine dei nostri polverosi manuali con ben altro «diritto vivente», e invece siamo dentro quello che ormai tante autorevoli voci considerano un «sistema», un criticabile modello di gestione (e criminalizzazione) del dissenso politico.

Ci riferiamo, tra le altre, alla vicenda giudiziaria di Eddi Marcucci, di cui giovedì 12 novembre al Palagiustizia andrà in onda un’altra puntata.

MEDICI SENZA BANDIERE (MSB)

Medici senza bandiere è un'organizzazione studentesca composta da studenti universitarix, facenti parte della Scuola di Medicina, che hanno deciso di dedicare parte del loro tempo ad attività para-universitarie. Siamo completamente indipendenti da associazioni politiche o religiose e le nostre attività sono portate avanti attraverso l'autofinanziamento.

ControguidaPRIMA.png

Controguida Giurisprudenza 2020-2021

Nonostante l'incertezza sulla possibilità di tornare in questo luogo aggregativo all'interno della Palzzina, vogliamo che il Collettivo rimanga un punto di riferimento per tutti/e: per un’università che non si riduca ad asettico esamificio, ma promuova saperi critici e si curi di non lasciare indietro nessuno/a. Perciò manterremo viva "la nostra ora di libertà" rispetto a lezioni/esami/cfu del nostro Dipartimento, sperando di poterla condividere un giorno con voi. Per adesso vi lasciamo la nostra Controguida, auspicando che vi sia d'aiuto nell'intraprendere il percorso unuiversitario, avendo il pregio di essere stata scritta da studenti per studenti.