Collettivo di Giurisprudenza

Il Collettivo è uno spazio di dialogo e confronto libero e democratico, aperto a tutte e tutti. È nato per colmare un vuoto di partecipazione all’interno del Dipartimento, rompendo con l’accezione nozionistica degli studi giuridici e l’idea che gli stessi impediscano un approccio attivo e critico all’università e al mondo che la circonda.

Oltre a portare la voce degli studenti negli organi tramite i propri rappresentanti, il Collettivo è uno spazio di elaborazione politica e culturale che promuove e sostiene iniziative formative (seminari, conferenze, assemblee, incontri tematici, cineforum) in alcuni casi offrendo la possibilità di conseguire crediti formativi universitari.

Si tratta di un impegno consolidato, tradizionalmente premiato da grande partecipazione e arricchito dalla presenza di docenti, ricercatori, avvocati, magistrati, associazioni e personalità esterne.

Negli ultimi anni, tra gli altri, sono stati organizzati: cicli seminariali su fattispecie penali complesse e controverse (prostituzione e tratta di esseri umani, tortura), momenti di confronto con associazioni di categoria (Bike Pride Torino), proiezioni di documentari ("Otto punti" sul G8 di Genova, "Archiviato - l’obbligatorietà dell’azione penale in Valsusa" sulle vicende giudiziarie del movimento NoTav), giornate di approfondimento e/o autoformazione su vecchie e nuove importanti riforme (legge Basaglia, legge Minniti-Orlando, riforma costituzionale oggetto del referendum 2016, decreti Sicurezza, ddl Pillon).

Ci sono temi a cui il Collettivo dedica costante attenzione, come la detenzione carceraria e la tutela dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale. Degno di nota, a tal proposito, è il convegno "41-bis: un istituto controverso" del maggio 2019, in occasione del quale il Collettivo ha avuto l’onore di ospitare Mauro Palma, il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale.

Logo Giuri Contatti
{{ message }}

{{ 'Comments are closed.' | trans }}