12. Spazi in università

Questo post fa parte della serie Oltre la distanza - Controguida 20/21.

Come studenti che attraversiamo tutti i giorni l’università pensiamo che essa debba essere non un luogo svuotato di senso, ma uno spazio di scambio, socialità, confronto. Oltre ad usufruire dei servizi Edisu, potresti anche semplicemente cercare un posto dove mangiare o studiare all’interno del tuo polo universitario. Purtroppo questi spazi non esistono ovunque e, anche dove esistono, hanno capienza decisamente insufficiente; l’emergenza covid ha reso ancora più evidente la grande sofferenza sugli spazi in università e sulla loro attraversabilità.

Per questa ragione l_ studenti hanno deciso negli anni di autorganizzarsi, creando spazi dove mangiare, studiare, chiacchierare, rilassarsi, scaldare il pranzo, ritrovarsi in assemblee, scambiarsi libri attraverso biblioteche autogestite e molto altro.

In molti poli dell’Università troverai le nostre aulette, degli spazi autogestiti in cui potrai conoscere una dimensione dell’Università che non sempre viene mostrata, di scambio e costruzione politica, spazi dove intraprendere e praticare mutualismo e solidarietà tra studenti. Purtroppo non sappiamo ancora in che misura saranno accessibili questi spazi, ma proveremo a trovare delle soluzioni per l’apertura nel rispetto delle misure di sicurezza.

{{ message }}

{{ 'Comments are closed.' | trans }}